Tutto quello che c’è da sapere su Bergamo

16 novembre 2019



Dopo aver raggiunto la semifinale di Coppa Italia e dei playoff nel 2019, Bergamo si è presentata ai nastri di partenza del girone Ovest di Serie A2 Old Wild West con un organico rinnovato e ringiovanito. I lombardi sono reduci da quattro sconfitte consecutive di misura. In cabina di regia giostra sagacemente l'unico superstite della passata stagione, Ruben Zugno (3.9 assist di media, ndr). Il playmaker classe '96 è incaricato di innescare i talentosi esterni, Dwayne Lautier-Ogunleye (17.1+5.6, ndr) e Jeffrey Carroll (39% da 3, ndr). In prossimità dei tabelloni spadroneggia la freschezza di Costi e l'atletismo di Bozzetto. Quest'ultimo eccelle nel tagliafuori (7.6 rimbalzi ad allacciata, ndr). Dalla panchina giallonera, che è una miniera di sorprese, subentrano tanti elementi di sostanza (Allodi, Marra e Parravicini, ndr).

«Non nutriamo timori reverenziali»

Il coach dei bergamaschi, Marco Calvani ha presentato il match contro la Generazione Vincente Napoli Basket: «Dovremo limitare le palle perse - ha dichiarato in un comunicato del club -, alzando notevolmente l'attenzione. Affronteremo una squadra che è stata allestita per stare ai vertici della classifica. Però, non nutriamo timori reverenziali. Abbiamo già incontrato organici di livello, dimostrando di essere competitivi. Bisognerà mostrare maggiore continuità in fase difensiva per giocarsela fino allo scadere».

© Riproduzione riservata


Nessun commento ancora

Lascia un commento